Perché l’America è il primo paese povero del mondo

https://eand.co/why-america-is-the-worlds-first-poor-rich-country-17f5a80e444a
link al sito in lingua oririnale

Considera le tue statistiche. L’americano medio non può racimolare $ 500 per un’emergenza  . Un terzo degli americani non può permettersi cibo, alloggio e assistenza sanitaria  . L’assistenza sanitaria per una famiglia ora costa $ 28k – circa la metà del reddito medio, che è $ 60k.

Da sole, naturalmente, le statistiche dicono poco. Ma insieme questi fatti parlano molto. La storia che stanno iniziando a raccontare è questa.

L’America, a quanto pare, sta diventando qualcosa come il primo paese povero del mondo. E questo è l’elefante nella stanza che non stiamo abbastanza afferrando. Dopotutto, l’autoritarismo e l’estremismo non sorgono nelle società prospere – ma in quelli problematici, che si stanno impoverendo, come l’America è oggi. Cosa intendo per tutto questo?

Iniziamo con ciò che non intendo. Non intendo la povertà assoluta. Gli americani non vivono con pochi dollari al giorno, in linea di massima, come ad esempio la gente della Somalia o del Bangladesh. Il reddito mediano dell’America è ancora quello di un paese ricco, intorno ai $ 50k, a seconda di come viene contato. Né intendo davvero povertà relativa – persone che vivono al di sotto del reddito medio. Mentre questo è un problema crescente in America, perché la classe media sta implodendo, non è proprio questo il vero problema a cui questi numeri accennano.

L’America sembra pioniere di un nuovo tipo di povertà. Uno per il quale non abbiamo ancora un nome. È qualcosa come vivere ai margini del coltello, essere costantemente sull’orlo della rovina, a un piccolo passo dalla catastrofe e dal disastro, sempre con il rischio di cadere attraverso le fessure. Ha due componenti: un’inflazione massiccia per le basi della vita, unita a un rischio schiacciante e asimmetrico. Verrò a quello che vogliono dire a breve.

L’americano medio ha un reddito relativamente alto, quello di una persona in un paese nominalmente ricco. Solo le sue entrate non vanno molto lontano. La maggior parte viene mangiata cercando di offrire le basi della vita. Abbiamo già visto quanto siano elevati i costi sanitari. Ma poi c’è l’educazione. C’è il trasporto. C’è interesse e affitto. Ci sono media e comunicazioni. C’è assistenza all’infanzia e agli anziani. Tutte queste cose riducono l’americano medio a vivere costantemente ai margini della rovina: uno stipendio lontano dalla miseria, un’emergenza che non va persa.

Ma questo non è vero per i colleghi americani. In Europa, in Canada e persino in Australia, la società investe in tutte queste cose e i costi delle società di base che le società non forniscono sono regolamentati. Per esempio, pago $ 50 dollari per la banda larga e la TV a Londra – ma $ 200 per la stessa cosa a New York – eppure a Londra, ottengo mezzi di comunicazione molto più numerosi e migliori per me (anche includendo, sì, spazzatura americana come Ancient Aliens) . Questa è una regolamentazione al lavoro. E quando beni di base come l’assistenza sanitaria o l’assistenza agli anziani o l’istruzione sono forniti e gestiti a livello sociale, è quando sono più economici, e spesso anche della migliore qualità. Quindi, l’assistenza sanitaria costa molto meno a Londra, Parigi o Ginevra e anche l’aspettativa di vita è più lunga.

Quindi, se stai guadagnando $ 50k in America, è una cosa molto diversa da guadagnare $ 50k in Francia, Germania o Svezia – in America, devi pagare in modo vertiginoso per le basi della vita, per le necessità di base. Così, i redditi si estendono molto più in altri paesi, che godono di una qualità della vita molto più alta, anche se le persone lì guadagnano all’incirca la stessa quantità, perché pagano molto meno per i beni di prima necessità. Gli americani sono ricchi, ma solo nominalmente – i loro soldi non acquistano quasi quanto i loro pari, dove conta e conta di più, per le basi della vita.

Cosa succede quando le società non capiscono tutto quanto sopra? Bene, una cosa strana è accaduta all’economia americana. Mentre è vero che cose come TV e Playstation sono diventate più economiche, i costi delle basi della vita sono saliti alle stelle. Tutte le cose che realmente migliorano la qualità della vita delle persone – sanità, finanza, istruzione, trasporti, alloggio e così via – sono arrivate a consumare una quota così elevata del reddito della famiglia media che hanno ben poco da salvare, investire o spendere su qualsiasi altra cosa E quel che è peggio, mentre le basi della vita hanno visto inflazione massiccia, salari e redditi (per non parlare di risparmi e benefici, reti e opportunità di sicurezza) per la maggior parte sono rimasti fermi. Il risultato è un’economia – e una società – che sta collassando.

Tuttavia,

tutto questo è l’effetto diretto di dare, per esempio, il controllo degli hedge fund sulle droghe, o il controllo degli speculatori su alloggi, sanità e istruzione – ovviamente massimizzeranno i profitti, mentre investono in queste cose socialmente, o almeno regolandole, minimizza i costi reali e massimizza l’accessibilità, l’accessibilità e la qualità.

Quindi l’americano medio, che è rimasto alto e asciutto, deve prendere in prestito, prendere in prestito, prendere in prestito, solo per mantenere una qualità di vita decente – perché consegnare il controllo del capitalismo alle basi della vita ha causato un’inflazione massiccia, schizzata alle necessità, mentre flatlining il suo reddito . In fin dei conti, l’assistenza sanitaria non costava la metà del reddito medio di un decennio fa, ma ora lo fa. Quindi cosa succede quando, in un decennio o due, l’assistenza sanitaria costa tutto ilreddito mediano? Come può un’economia – per non parlare di una società – funzionare in questo modo?

Bene, cosa succede se l’americano medio supera la linea? Manca una rata del mutuo, si ammala e non è in grado di pagare alcune bollette in tempo, non può pagare i costi dell’assistenza sanitaria? Quindi vengono puniti severamente e senza pietà. Il loro “rating” (nota come le banche e gli hedge fund non li hanno) è rovinato. Possono facilmente ritrovarsi per strada, senza finanziamenti, senza una seconda possibilità, senza accesso a nessun tipo di riparazione o supporto. E poi vengono rifiutati, evitati e ostracizzati. Potrebbero non avere più un indirizzo – quindi chi li assumerà? Non fanno più parte della società – sono caduti attraverso le fessure e trovare la via del ritorno è spesso quasi impossibile. Rischio asimmetrico: le società, le lobby e le banche non corrono alcun rischio, proprio perché l’americano medio le sopporta tutte ora.

Quindi gli americani non sono solo assolutamente o relativamente poveri, ma poveri in un modo completamente nuovo. In primo luogo, le basi della vita sono esplose nel prezzo, al punto che ora sono inaccessibili per molte, forse la maggior parte, le famiglie. In secondo luogo, gli americani si assumono il rischio di pagare quei costi insostenibili a un livello estremo, con i rischi che le istituzioni dovrebbero, e quindi quei rischi sono ora rovinosamente alti . Una banca o un hedge fund o una società potrebbero andare in bancarotta e liquidare le sue attività, ei suoi proprietari rimangono ricchi – ma se il rating di un americano è rovinato, perde il lavoro, non può pagare le sue bollette, o anche se dichiara bancarotta, cade le crepe, perseguitato, merlato, istituzionalmente segnato dal nero. Si ritrova fuori dalla società, con un piccolo modo di rientrare. Non c’è da stupirsiGli americani lavorano molto più duramente che altrove: sono sempre ad un passo dal perdere tutto, dalla vera rovina, ma i loro pari in paesi veramente ricchi non lo sono.

Marx probabilmente avrebbe chiamato questa immiserimento. I teorici neo-marxisti lo chiamano precarietà.

E mentre c’è la verità in entrambe le idee e le prospettive, penso che manchino tre punti vitali.

Non vediamo l’America come un paese povero, ma dovremmo cominciare. Gli americani vivono vite abbastanza abissali – brevi, solitarie, infelici, piene di lavoro, stress e disperazione, rispetto ai loro coetanei. Questo perché non possono permettersene di migliori: il capitalismo predatore unito alla totale cattiva gestione economica degli investimenti sociali ha reso le basi della vita rovinosamente inaccessibili. In questo modo, è effettivamente un paese povero – sì, c’è un piccolo numero di ultra-ricchi, ma ora sono fuori misura, fuori dalla mappa del normale. Perché non è solo un tipo di povertà, la povertà di ieri, o anche la povertà come siamo abituati a pensarci.

L’America sta sperimentando un nuovo tipo di povertà. Il tipo di povertà sviluppato in America non è solo bizzarro e macabro: è nuovo e invisibile. Non è qualcosa che comprendiamo bene, economisti, intellettuali, pensatori, perché non abbiamo una buona struttura per pensarci. Non è la povertà assoluta come la Somalia, e non è solo una povertà relativa, come nelle repubbliche delle banane dorate. È una creazione unicamente americana. Il capitalismo estremo incontra il darwinismo sociale attraverso una robusta autosufficienza attraversata da crudeltà puritana.

Il tipo di povertà che oggi il pioniere dell’America non è assoluto, o relativo, 

ma qualcosa di più simile alla povertà perfettamente sintonizzata, alla povertà strategica, alla povertà di base – persone nominalmente benestanti il ​​cui denaro non è abbastanza lontano da farle vivere bene, vivendo costantemente ai margini della rovina, e così costretti a soffocare la loro rabbia amara e servire gli stessi sistemi che opprimono e soggiogano con sempre più indegnità, paura e servilismo entro l’anno.

L’America è ancora un innovatore oggi. Sfortunatamente, ciò che sta innovando ora è un nuovo tipo di povertà. Eppure la povertà è povertà. Cosa succede nelle società in cui la povertà sta crescendo? L’autoritarismo aumenta, poiché le persone perdono la fiducia nella democrazia, che non sembra offrire loro un contratto sociale funzionante. L’autoritario diventa abbastanza presto fascismo – “questo paese, questa terra, il suo raccolto – è solo per il vero volk!”, Il grido sale, quando non c’è abbastanza per andare in giro. E il resto della storia cupa e cupa della caduta nell’abisso dovresti saperlo abbastanza bene ormai. Finisce in parole che non diciamo.

Eppure, la storia, ridendo, ci ha raccontato questa storia molte volte. E lo dice a domani, ancora, nel racconto del collasso americano.

Umair 
maggio 2018


Pubblicato

in

da

Tag: