Dopo 2 anni di Covid-19, chi aveva ragione, i novax o chi si è vaccinato?

Mi piacerebbe che le persone si trovassero d’accordo almeno su una cosa: l’importanza delle fonti.

Per due anni ho inondato Quora di studi pubblicati su Nature, Science, Lancet, NEJM e chi più ne ha più ne metta. Si tratta di una infinitesima porzione degli articoli scientifici pubblicati in merito alla pandemia e che io stesso, insieme ai colleghi, ho riassunto in un metastudio che ne analizzava oltre 17000

[1]. Si tratta di studi su riviste scientifiche internazionali, che analizzano dati provenienti da tutto il mondo. Ogni studio ha superato la revisione paritaria ed è stato posto al vaglio della comunità scientifica tramite pubblicazione su riviste specializzate frequentate da addetti ai lavori.

Poi vai su Internet e leggi “Galli ha detto che si è pentito di fare il vaccino”, e gente che si azzuffa su una dichiarazione rilasciata durante un’intervista, capita male, e rimbalzata da blog, webmagazine e quotidiani di dubbia serietà, il tutto rigorosamente prodotto, masticato e digerito da e per italiani che tentano di capire un fenomeno mondiale osservandolo dal buco della serratura di sitarelli di provincia. Ora, il punto non è che la notizia sia l’ennesima bufala

[2], il punto è il livello del dibattito. È come se a un simposio sulla meccanica quantistica arrivasse Pierino a scorreggiare al microfono dicendo che “col fischio o senza è tutta una scemenza” e i giornali pubblicassero a strascico le sue tesi ignorando del tutto gli studi di Heisenberg e Schrödinger, che sono troppo complicati per interessare alla gente. La scorreggia, d’altro canto, ha un appeal universale ed intramontabile, a quanto pare.

Ma benedetti signori, lo capite che voi, con le vostre tasse, pagate della gente che studi certi problemi per voi e vi dica come stanno le cose? Se prima li pagate e poi non li ascoltate, vi rendete conto che state buttando via i vostri soldi? Sarebbe come andare dal barbiere, pagarlo, e poi tornarsene a casa propria a tagliarsi i capelli da soli davanti allo specchio. Fidatevi, non otterrete un gran risultato.

Dall’inizio della pandemia tutte le fonti scientifiche hanno spiegato che l’obiettivo principale doveva essere “flatten the curve”, appiattire la curva. Non mi dite che avete dimenticato questa immagine

[3] perché se la ricordano pure i pesci rossi:

Ora, uno guarda agli effetti dei vaccini, e cosa “scopre” (come se non si sapesse già dai risultati dei test clinici del 2020)? Ecco uno dei tanti grafici in merito, ne riporto quasi ogni volta uno diverso da fonte diversa proprio per sottolineare che dicono tutti esattamente la stessa cosa

[4]:

Ma tu guarda. I vaccini fanno esattamente ciò di cui avevamo disperatamente bisogno e che avevamo stabilito essere il nostro obiettivo fondamentale per riuscire a limitare i danni di questo disastro. Lo abbiamo chiesto alla scienza, la scienza ci ha dato la risposta, con una tempistica ed un livello di efficacia addirittura superiori alle più rosee aspettative.

Questi sono i fatti, il resto è rumore di fondo unito al tentativo di alcuni avvoltoi di carpire il vostro consenso in una battaglia montata ad arte. E Galli ha detto, e Speranza ha fatto, e Draghi venduto, e Fauci comprato. Chiasso informe da dare in pasto a folle fameliche. Se non hanno il pane, mangino bufale.

Molti no-vax sono semplicemente persone che mancano degli strumenti necessari a valutare dati e fonti pubblicamente disponibili e che incontrano individui spregiudicati il cui obiettivo è infilarsi nelle loro paure per sfruttarle a proprio vantaggio. Un po’ come quei parassiti che disconnettono il cervello delle formiche per portarle dove vogliono loro

[5].

La quantità di vite salvate dai vaccini è incalcolabile. Una stima dell’ECDC

[6] parla di mezzo milione di persone in meno di un anno contando solo gli effetti diretti del vaccino. Ma quelli indiretti sono davvero inestimabili. Dai lockdown risparmiati alle corsie degli ospedali svuotate (e quindi morti indirette scongiurate) è impossibile fare un calcolo attendibile di tutti i guai evitati dai vaccini.

Ma abbiamo, come dicevo, un problema da risolvere che é più importante di quello di far capire alla gente che i vaccini sono stati una manna dal cielo. E il problema è che nonostante gli studi, le fonti scientifiche internazionali tutte concordi, i dati e i risultati sotto gli occhi di tutti, tanta gente continuerà ad andare su Internet ad appaltare l’uso dei propri neuroni a siti di “controinformazione” che vengono messi sullo stesso piano del MIT, di Oxford, degli organi internazionali di sorveglianza sanitaria, degli scienziati pagati con le tasse dai cittadini per spiegare ai cittadini come stanno le cose.

L’istruzione è il primo passo. La gente deve imparare i fondamenti della statistica e della comunicazione a scuola, come leggere e far di conto. Prima lo capiamo, prima ci buttiamo alle spalle questo Medioevo della comunicazione di massa distribuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *